moveaboutitaly

Nei borghi dell'Italia

San Gimignano Volterra Lago di Bolsena Monti Sibillini Civita di Bagnoregio Gargano





Montalcino

La storia

Montalcino è sita su un colle alto circa 567 metri e posto alla destra del fiume Orcia, a circa 40 km a sud-ovest di Siena.

Per raggiungerla, da tutte le provenienze, si può utilizzare la SS2 Cassia utilizzando l'uscita Torrenieri.

Montalcino
Montalcino

Di origine prima etrusca e poi romana appartenne successivamente ai territori dell'Abbazia di Sant'Antimo.

La sua posizione strategica sull'antica via Francigena fece si che Montalcino rapidamente acquisì la struttura della città militare con grandi mura difensive, numerosi torrioni e la fortezza di Montalcino che, nonostante i molti assedi, non fu mai espugnata.

Fortezza Montalcino
Fortezza Montalcino

Diventata libero comune sotto la parte Guelfa, Montalcino combattè quasi tutte le guerre del periodo medioevale sia contro le fazioni Ghibelline e sia contro la vicina Siena fino al 1361 quando venne riconosciuta da Siena ai Montalcinesi la cittadinanza senese.

E, quando la stessa Siena fu sconfitta dagli imperiali di Carlo V, dal 1555 al 31 Luglio 1559 a Montalcino si trasferì la Repubblica di Siena ritirata in Montalcino esperienza che si concluse con l'annessione a Firenze.

Fortezza Montalcino
Fortezza Montalcino

Sul borgo campeggia l'imponente Fortezza trecentesca che ingloba parte delle mura e delle torri del secolo precedente.

La pianta è pentagonale con snelle torri angolari irregolari.

Al suo interno un ampio cortile teatro di spettacoli ed iniziative culturali.

Sempre all'interno della Fortezza si trova l'enoteca della Fortezza dove è possibile sia la degustare e sia acquistare il famoso vino Brunello (html file), uno dei pochi vini rossi italiani fregiato del marchio D.O.C.G.

All'ingresso dell'enoteca è possibile vedere lo "STENDARDO di SIENA" dipinto dal Sodoma ed (pagando un modesto biglietto) accedere al cammino di ronda delle torri, dalle quali si gode uno stupendo panorama su tutta la Valdorcia.

Enoteca della Fortezza
Enoteca della Fortezza

I monumenti

Cuore della cittadina è Piazza del Popolo in cui si affacciano il PALAZZO COMUNALE eretto fra il XIII e il XIV secolo, fregiato di stemmi con la sua sottile torre in mattoni e pietra e l'ampio portico detto il "cappellaccio"; e la LOGGIA dello stesso periodo detta il "cappellone" prolungata nel '400 dagli archi in mattone a tutto sesto.

Piazza del Popolo
Piazza del Popolo
Stemmi Comunali
Stemmi Comunali
Madonna della Misericordia
Madonna della Misericordia

Le logge del Sansovino ... ma sarà stata progettata veramente del Sansovino?

Loggie del Sansovino
Loggie del Sansovino

Le chiese

la Cattedrale di San Salvatore.

Il alto sull'acropoli di Montalcino si trova la Cattedrale di San Salvatore del 1832.

La Cattedrale fu costruita sul luogo dell'antica Pieve di San Salvatore (Pieve dell'anno 1000)

la Cattedrale di San Salvatore
la Cattedrale di San Salvatore

La Cattedrale è fin troppo sobria, con interni minimalisti.

la Cattedrale di San Salvatore
la Cattedrale di San Salvatore

Al suo interno segnaliamo Immacolata Concezione con Gesù e Dio Padre di Francesco Vanni

Immacolata Concezione
Immacolata Concezione di Francesco Vanni

e una pregievole Madonna con Bambino ... potrebbe essere Madonna Assunta tra angeli con i Santi Ippolito vescovo e Cipriano martire di Francesco Nasini del 1647, ma i due Santi ... sono tagliati!

Madonna con Bambino
Madonna con Bambino

Forse la cosa più interessante visibile all'interno della Cattedrale sono una decina di antichi frammenti della Pieve recuperati e posati su di una parete.

la Cattedrale di San Salvatore
la Cattedrale di San Salvatore

Madonna del Soccorso

Dal Duomo si scende verso la chiesa della Madonna del Soccorso, patrona della cittadina.

La Madonna del Soccorso fu costruita sopra la chiesa di porta al Corniolo (1330).

Madonna del Soccorso
Madonna del Soccorso

Tra ampliamenti, ristrutturazioni, cambio di nome (1553) i lavori agli interni furono completati solo nel 1609.

Madonna del Soccors
Madonna del Soccorso

Completati gli interni i lavori si fermarono per quasi 200 anni.

Madonna del Soccors
Madonna del Soccorso

I lavori alla facciata iniziarono (solo) nel 1794 e furono completati nel 1829.

Madonna del Soccors

I dintorni

Già detto dell'Abbazia di Sant'Antimo si segnala come tutto il territorio del comune di Montalcino sia costellato da segni del passato.

Camigliano
Camigliano

Da vedersi sono inoltre il Castello di Poggio alle Mura che ospita un Museo del Vetro, il Castello di Argiano e la cinquecentesca villa Pecci, l'Abbadia di Ardenga (vallombrosana con una splendida Cripta), i borghi medioevali di S. Angelo in Colle e Camigliano ed i ruderi del castello di Castiglione del Bosco.

Le manifestazioni

Torneo di apertura delle Cacce

Sagra del tordo

Il "Torneo di apertura delle Cacce" (Seconda Domenica di agosto), segna l'inizio di quelle che furono le grandi battute di caccia.

La "Sagra del tordo" (ultima Domenica di Ottobre) rievoca la storia di Montalcino con i suoi contrasti attravero le sfide a tiro con l'arco fra gli appartenenti ai quartieri, Borghetto, Pianello, Ruga e Travaglio, gli antichi villaggi che riunendosi dettero origine alla città.

Torneo di apertura delle Cacce
Torneo di apertura delle Cacce

Entrambe queste feste fondano le loro origini dopo la metà del trecento, periodo di relativa pace, in cui i cacciatori ed i falconieri approfittavano dei boschi locali ricchi di selvaggina.

In particolare nel periodo da agosto fino ad ottobre inoltrato quando passavano molti uccelli migratori, fra cui i tordi, tornavano carichi di prede che gustavano con gli alleati ed i vicini fra danze e tornei.

Torneo di apertura delle ... tavolate
Torneo di apertura delle ... tavolate

E' possibile assaporare l'area dei tempi che furono lasciandosi trascinare dal Corteo Storico con i sontuosi abiti dell'epoca e dalle danze in cui si cimentano i popolani in costume, prime fra tutte il "Trescone".

Ed infine è da degustare la tipica cucina locale, nonchè i tordi allo spiedo il tutto annaffiato dal famoso vino Brunello ed ammirare infine la FIACCOLATA sugli spalti della Fortezza.

Torneo di apertura delle Cacce
Torneo di apertura delle Cacce

Sagra del Galletto

La Sagra del Galletto si svolge ogni anno la prima Domenica di Ottobre a Camigliano nelle vicinanze di Montalcino.

Sagra del Galletto
Sagra del Galletto

La Sagra è del Galletto mail gioco è della Druzzola.

A Camigliano, nel primo pomeriggio della Domenica, si svolge il Torneo di Druzzola fra i Quartieri Montalcinesi ed i Castelli della zona.

La Druzzola è un gioco antichissimo, originario di queste parti, parente del Ruzzolone e di altri gioci di lancio tramite braccio.

i lanciatori della Druzzola
i lanciatori della Druzzola

La Druzzola altro non è che un cerchio in olivo del diametro di circa 12 cm cerchiato in ferro.

la Druzzola
la Druzzola

La Druzzola viene lanciata per mezzo di un cordino arritolato, l'atto è detto affilamento della Druzzola, che serve a dare velocità e direzione alla Druzzola stessa. I lanci superano anche i 200 metri.

Il Vincitore è chi lancia più lontano ed in palio c'è una "Druzzola cerchiata in argento" sia per il tiratore e sia per il Quartiere od il Castello vincitore.

Trescone
il ballo del Trescone

Sia al Sabato che alla Domenica a Camigliano ... si mangia il galletto!

I Galletti sono quelli "ruspanti e saporiti" adatti alla preparazione della famosa scottiglia che necessita di un lungo periodo di cottura a fuoco lento.

Tutte le carni sono preparate alla brace con carbone cotto nei boschi limitrofi.

Le crostate sono cotte nel forno a legna secondo la maniera antica.

si mangia ...
si mangia ...

Una gastronomia, quindi, prettamente campagnola e genuina.

Il vino servito è il Brunello di Montalcino delle varie annate.



AugurandoTi una buona visita al sito ... Ti consigliamo di prenotare con Noi la Tua vacanza usando Booking.com. Qui di seguito alcune offerte last minute per i prossimi due giorni su alcune delle strutture presenti in zona

Booking.com