Move



about



Italy



Castro



l'Uomo in Nero con il cappello

il castello Castrum Felicitatis di Castro
Castello di Castrum Felicitatis

Qui fu Castro

"Castro, olim Statonia diruto
Urbes constituit aetas, hora dissolvit"

Seneca

Le rovine di Castro

Castro era una piccola città protetta dal suo Castello.

Poco oggi rimane del bel Castello di Castro ... il Castrum Felicitatis (Castello di Madonna Felicità) che con tanto orgoglio i Castrensi dicevano che solo con le ali le loro mura si potevano scalare.

il castello Castrum Felicitatis di Castro
Castello di Castrum Felicitatis

Qua e la si vedono ancora dei tratti di mura e dei depositi ... e la porta Santa Maria.

Con la riprogettazione delle mura difensive, fatta da Antonio Sangallo, l'entrata principale a Castro diventò la Porta Lamberta.

La Porta fu costruita come un arco di trionfo con raffigurati vari episodi storici riguardanti la famiglia Farnese.

Ingresso - uscita

Di questa porta (doveva essere sulla sinistra rispetto alla foto di cui sopra) non abbiamo trovato nulla tranne il campo.

Dalla parte opposta di Castro c'era Porta Santa Maria.

Porta Santa Maria

Questa porta era importante perchè qui c'era la sorgente che forniva l'acqua a Castro.

Con la ristrutturazione difensiva voluta da Antonio da Sangallo fu deciso di chiudere questa porta che cambiò nome in Porta Murata.

E alla sorgente come si arrivava?

Anche la sorgente fu abbandonata e fu costruito il pozzo di Santa Lucia.

Il pozzo, simile a quello di San Patrizio a Orvieto, fu costruito con una doppia scala a chiocciola.

Di questo pozzo non abbiamo trovato traccia ... ma neanche lo abbiamo cercato con convinzione.

Porta Santa Maria
Porta Murata

Il centro di Castro è rappresentato da Piazza Maggiore, questo ci racconta Domenico Angeli, notaio in Castro, nel 1575.

E' facile ipotizzare che la Piazza Maggiore avesse al centro una fontana od un pozzo.

Piazza Maggiore

Su questa piazza si affacciavano i più importanti palazzi della città:

1) Palazzo Caronius

2) Palazzo del Podestà

3) La Zecca

4) oltre all'Hostaria o Palazzo del Duca in Piazza

5) Le strade mattonate

Qui fu Castro
Palazzo Caronius

I ruderi del Palazzo Caronius.

Palazzo Caronius

Hanno distrutto tutto ...

Palazzo del Podestà

I ruderi del Palazzo del Podestà.

Palazzo Podesta

Ci vuole molta fantasia ad immaginarlo come era.

Zecca

Questa era la zecca che emetteva la moneta che circolava nel Ducato di Castro ...

La Zecca
La Zecca

il Quattrino Farnese

Foto ripresa da un'asta su Ebay
Foto ripresa da un'asta su Ebay
Hostaria o Palazzo del Duca in Piazza

Ed in Piazza Maggiore c'era anche l'Hosteria di Castro

Hosteria

Il disegno di Antonio da Sangallo il Giovane oggi vedibile agli Uffizi n. 299/a ci indica come era disposta parte della Piazza Maggiore.

il progetto di Antonio da Sangallo
il progetto di Antonio da Sangallo
Strade mattonate

Una caratteristica che faceva di Castro una città quasi unica nel panorama del cinquecento Italiano era di avere strade e piazze mattonate.

Strade mattonate

Lo ripetiamo ... ci vuole molta fantasia a capire cosa c'era prima della grande distruzione.



distrussero anche le chiese



Cattedrale di San Savino

La furia Papale non si fermò neanche davanti .... alle chiese.

A Castro ce ne erano, come d'uso all'epoca, tante:

- Cattedrale di San Savino

- Madonna della Viola

- San Pancrazio

- San Bernardo Abate

- Santa Lucia

- San Sebastiano

- Madonna del Carmine

- Santa Maria dei Servi

- Ospedale di San Giovanni

- Convento di San Francesco

Di tutte sono visitabili i resti di Santa Maria dei Servi e della Cattedrale consacrata a San Savino e, ma non ci abbiamo provato, il Convento di San Francesco.

Cattedrale di San Savino
Cattedrale di San Savino

San Savino, la cui festa cadeva il 3 Maggio, era il protettore della città di Castro.

La Cattedrale venne consacrata il 29 aprile 1286 dal vescovo di Castro, San Bernardo da Bagnoregio.

Non ci sono noti disegni e/o quadri che la raffigurano, ma sicuramente era in stile romanico, vista la data di consacrazione.

Cattedrale di San Savino
Cattedrale di San Savino

Chiesa di Santa Maria dei Servi

Santa Maria dei Servi era probabilmente una chiesa di epoca bizantina e sorgeva appena fuori dalle mura nella zona della porta murata.

Chiesa di Santa Maria dei Servi
Chiesa di Santa Maria dei Servi

A Santa Maria ho avuto, se eventualmente fosse necessario, l'ennesima prova che la madre degli schiocchi è sempre gravida.

Vorrei volentieri vedere in faccia del deficiente che ha scritto le sue "cazzate" su un affresco ...

Castro Chiesa di Santa Maria

... pensando di fare quale cosa di "ganzo"!

Nota dell'Autore

Questo sito non ha alcuna pretesa di completezza, ma vuole solo documentare fotograficamente un attimo di magia.

Tutte le fotografie pubblicate (e sono tante) sono di proprietà della www.moveaboutitaly.com che non è legata in alcun modo ai luoghi di cui parliamo od all'eventuale organizzazione degli eventi che documentiamo.

Noi i borghi, o gli altri eventi di cui scriviamo, li visitiamo veramente.

Speriamo che la Sig.ra od il Sig. Google riescano a capire la differenza tra Noi e molti dei nostri competitors.

Move about Italy non si assume nessuna resposabilità per errori od omissioni sul materiale pubblicato così come indicato nella clausola di Copyright.

Prenota con Noi

Prenota la Tua visita a Civita di Bagnoregio con GetYourGuide

AugurandoTi una buona visita a Civita di Bagnoregio Ti consigliamo di prenotare con Noi la Tua vacanza usando Booking.com.

Booking.com