moveaboutitaly
| Home | Bolgheri | Capalbio | Cetona | Cortona | Chiusi | Montalcino | Montepulciano | Murlo | Pienza | Pitigliano | San Gimignano | Volterra |
| Argentario | Parco della Maremma | Parco dell'Amiata | Farma Merse | Valdichiana | Crete e Valdorcia | Tra storia e Fede | Vini toscani |
| Home | Le crete senesi | La Valdorcia | L'Orcia | San Giovanni d'Asso | San Quirico d'Orcia | Radicofani | Mappa |


Montepulciano

La Cattedrale di Montepulciano

La cattedrale, con l'incompiuta facciata di muro grezzo, è una costruzione tardo rinascimentale sorta sul luogo dell'antica Pieve di Santa Maria su disegno di Ippolito Scalza.

Duomo di Montepulciano


La chiesa è eretta su tre navate, scandite da alte colonne.

Al suo interno ci sono molti "tesori" che da soli meritano la visita a Montepulciano.

Duomo di Montepulciano


Subito, appena si entra nella Cattedrale, c'è il bassorilievo con "la Vergine che benedice la famiglia Aragazzi".

Insieme alle statue dei "giacenti di Bartolomeo Aragazzi e Francesco Piendibeni" faceva parte di un complesso marmoreo più ampio, scomposto e disperso nel Seicento (due statue sono al Victoria et Albert museum di Londra).

Monumento a Bartolomeo Aragazzi


Nella navata sinistra si ammirano la fonte battesimale di Tino da Camaino e l'altare di Andrea della Robbia

La fonte battesimale proviene dall'antica Pieve di Santa Maria (in questa fonte venne battezzato il poeta Poliziano), mentre l'altare proviene dal convento di Fontecastello.

Fonte battesimale ed altare Madonna con Bambino di Sano di Pietro


Poco più avanti c'è, incastonata in un piccolo tabernacolo nel quarto pilastro, la Madonna con Bambino di Sano di Pietro.

La Madonna di San Martino Assunzione di Taddeo di Bartolo

Ma, di tutti i tesori presenti nella Cattedrale di Montepulciano, quello che più di ogni altro attira la devozione dei Poliziani (gli abitanti di Montepulciano) è la miracolosa Madonna di San Martino.

La storia della Madonna di San Martino è costellata di miracoli e grazie fin da quando l'empio Vicenzo del Mincio la colpì nel 1587 con un pesante maglio che, al posto di distruggerla, la rese livida sulla fronte.

Splendido è l'altare maggiore su cui si trova il pregevole trittico dell'Assunzione del 1401 di Taddeo di Bartolo.

Il trittico ha la caratteristica di essere la più grande pittura su tavola nota di tutta la scuola senese.

Continuando la visita sul pilastro di destra del trittico si trova il piccolo Ciborio (in stile gotico) di Lorenzo di Pietro detto il Vecchietta.

Ciborio di Lorenzo di Pietro detto il Vecchietta Ciborio di Lorenzo di Pietro detto il Vecchietta


La visita alla Cattedrale è libera ovviamente fuori dall'orario delle SS. Messe.



Ti è piaciuta questa pagina?

Se SI votaci su Google premendo il pulsante +1 qui accanto



Altri link da visitare


Move about Italy

Home page

Toscana

Umbria

Marche

Lazio

moveaboutitaly

Tu sei il nostro



visitatore dal 30/09/01


Prodotto e realizzato da:

acpb

Copyright © 1998 - Illimitato

acpb / Move about Italy





e per restare in contatto con noi seguici su