moveaboutitaly
| Home | Bolgheri | Capalbio | Cetona | Cortona | Chiusi | Montalcino | Montepulciano | Murlo | Pienza | Pitigliano | San Gimignano | Volterra |
| Argentario | Parco della Maremma | Parco dell'Amiata | Farma Merse | Valdichiana | Crete e Valdorcia | Tra storia e Fede | Vini toscani |
| Home | Porticato delle lapidi | Tomba Iscrizioni | Tomba Leone | Tomba Pellegrina | Tomba Scimmia | Poggio Gaiella | Labirinto Porsenna |


Parco Archeologico di Chiusi: Tomba del Leone

Il territorio di Chiusi è storicamente abitato dal XI a.c..

L'antica Camars diventa nel VI sec. a.c. la lucumonia etrusca di Clevsin, una delle più potenti città della Dodecapoli etrusca.

Di quei fasti il territorio di Chiusi conserva una decina di tombe risalenti al periodo che va dal 590 a.C. fino al 200 a.C..

Rivolgendosi al locale Museo Archeologico (la cui visita è caldamente consigliata), ed utilizzando le guide autorizzate, è possibile visitarle alcune (contattare il Museo Archeologico al 057820177 per orari e costi).

Museo Archeologico di Chiusi


Noi ne abbiamo visitate quattro:

  1. Tomba della Scimmia

  2. Tomba della Pellegrina

  3. Tomba del Leone

  4. Tomba delle Iscrizioni



La Tomba del Leone era già nota nel 1883.

E' noto che la Tomba del Leone fu aperta nel 1911 per riprodurre le pitture oggi praticamente perse.

La Tomba del Leone è datata tra il V ed il II secolo a.C. ed è sita nella necropoli di Poggio Renzo lungo la strada che porta al lago di Chiusi.

Tomba del Leone

La Tomba del Leone è sita a circa due metri sottoterra e vi si accede tramite un lungo dromos (il corridoio di ingresso).

La Tomba ha la classica pianta a croce con dromos su cui si trovano tre nicchie e due loculi laterali e tre camere che si aprono nell'atrio centrale.

La Tomba del Leone prende il nome dal frontone con due leonesse o pantere che nel 1911 gli archeologi poterono vedere e che oggi è svanito nel nulla.

Risulta inoltre che si vedeva nell'atrio centrale una scena con un banchetto e che i soffitti (crollati) erano intagliati a lacunari ed in parte dipinti probabilmente in modo simile a quelli presenti nella vicina Tomba della Scimmia.

Sulla parete di fondo si apre un passaggio che conduce ad un pozzo profondo 28 metri che porta sopra la collina.

Per questo la Tomba del Leone è conosciuta anche come Tomba del Pozzo.

Lo scrivente ha visitato la Tomba del Leone nel 2008.

La tomba era accessibile solo con guida ... anche se poi all'atto pratico c'è ben poco da vedere.

Nella Tomba del Leone è assolutamente proibito scattare fotografie.



Ti è piaciuta questa pagina?

Se SI votaci su Google premendo il pulsante +1 qui accanto



Altri link da visitare


Move about Italy

Home page

Toscana

Umbria

Marche

Lazio

moveaboutitaly

Tu sei il nostro



visitatore dal 30/09/01


Prodotto e realizzato da:

acpb

Copyright © 1998 - Illimitato

acpb / Move about Italy





e per restare in contatto con noi seguici su