La necropoli di Pianezze


Poco fuori dall'abitato di Grotte di Castro, sulla sinistra lungo la strada che scende al lago di Bolsena, si estende la necropoli etrusca di Pianezze, le cui tombe sparse in ampi terrazzamenti, risalgono tra il VII ed il VI secolo a.C. ovvero al massimo periodo di splendore per questa civiltà.

Necropoli Pianezze Necropoli Pianezze


A dimostrazione di ciò sono i ricchi corredi funerari recuperati e visibili presso il Museo Civico di Grotte di Castro e la monumentalità di molte tombe.

Delle circa 30 tombe visibili di particolare interesse sono la tomba n° 01 e la tomba n° 02 detta anche tomba Rossa.

Necropoli Pianezze tomba 01

Tomba n° 01 fotografata nel 2013

Necropoli Pianezze tomba 01 Necropoli Pianezze tomba 01

Tomba n° 01 fotografata (in analogico) nel 1995

Il rituale di sepoltura utilizzato è l'inumazione sia in fossa piana nel terreno con copertura in lastra di pietra e sia in loculi nelle pareti.

Le tombe, a seconda della datazione, cambiano la loro architettura che, in prima approssimazione, può essere schematizzata in:

  • tombe con (da lungo a corto) corridoio (da stretto a medio) scoperto il Dromos

  • piccola camera di accesso

  • camera centrale quadrangolare (da regolare a irregolare) con finitura da ottima a rozza

  • piccole camere laterali di inumazione (spesso rozze).

Necropoli Pianezze tomba 02 Rossa

Tomba n° 02 - Tomba Rossa fotografata nel 2013

Nel settore sud ci sono anche tombe in cui l'accesso alle camerette di inumazione avviene direttamente dal Dromos.

Necropoli Pianezze tomba 02 Rossa

La necropoli di Pianezze all'altezza della Tomba Rossa

Necropoli Pianezze - La fine della necropoli

La fine della necropoli

In generale lo schema è ripreso dalla "casa dei vivi" in cui la tomba è la casa nell'Oltretomba dove si ritrova la famiglia riunita dopo la morte.

Le camere sepolcrali si presentano col dromos scavato nel tufo e il vestibolo dotato di travatura centrale e copertura a spiovente.




L'accesso al Parco archeologico è a pagamento, ma l'esiguità del prezzo (con il biglietto full si può andare a vedere anche il museo Civita a Grotte di Castro), ne e la bellezza del posto (veramente incantato e ben tenuto) consigliano caldamente la visita.

Io personalmente sono già alla terza visita a questa necropoli.


Ti è piaciuta questa pagina?

Se SI votaci su Google premendo il pulsante +1 qui accanto


Tu sei il nostro



visitatore dal 30/09/01



Prodotto e realizzato da: acpb / Lago Bolsena



Copyright © All rights reserved





e per restare in contatto con noi seguici su





























Il Lago di Bolsena