La Barabbata di Marta

A Marta da sempre il 14 Maggio si svolge la festa della Madonna del Monte o delle Passate o della Barabbata.

La festa della Madonna del Monte

Il corteo storico della Barabbata

La festa ha inizio verso le 4 del mattino (avete letto bene le quattro del mattino!) con il tradizionale "Tamburino" ovvero il corteo dei partecipanti che guidati da un tamburo girano per le vie del paese cantando e pregando.

La mattina alle 8.30 comincia con la processione "di soli uomini" e la sfilata di una trentina di carri (dette Fontane) che dalle rive del lago arriva al piccolo Santuario della Madonna del Monte.

La festa è guidata dai "Signori" eletti dal Popolo in rappresentanza delle quattro Corporazioni denominate: dei casenghi, dei bifolchi, dei villani e dei pecatori.

Vescovo, Sindaco ...


Il corteo storico che sfila per le vie del paese è costituito, nell'ordine, dalle categorie dei Casenghi, dei Bifolchi, dei Villani e dei Pescatori.

Ad esse seguono: la Banda Musicale, i Ceri, il Clero, le Autorità Civili con il Gonfalone, il Popolo.

Il Clero, con l’Officiante in paramenti solenni, precede le Autorità Civili con i gonfaloni.

L'Officiante porta la "Pace" un'antica reliquia che, durante le Passate, sarà offerta al bacio dei partecipanti.

Ma partiamo con descrivere i partecipanti ...

I Casenghi (cavalieri) a cavallo con il Signore


Casenghi Casenghi

I Casenghi

I Casenghi sono la categoria che in passato era costituita da coloro che avevano ufficio di sorveglianti delle tenute e della casa dei proprietari terrieri (potremmo definirli "uomini di fiducia"), sfilano a cavallo, aprendo il corteo.

Il Signore della categoria li precede reggendo il palio azzurro con il monogramma mariano.

Nella Festa delle Passate vedere sfilare dai 30 ai 40 cavalieri è abbastanza comune.



I Bifolchi

I Bifolchi sono preceduti dal palio rosso con l'immagine dei buoi aggiogati all'aratro.

Il Palio dei Bifolchi

Il Palio dei Bifolchi

Ai Casenghi seguono i Bifolchi, ovvero quelli che lavorano ed arano la terra con l'aratro a chiodo trainato dai buoi.

Portano, oltre agli animali, gli attrezzi del loro lavoro: la concia, il giogo, l'aratro, la cerrata, le frocette, le gionture.

Bifolchi

Bifolchi con i buoi e l'aratro

Possono sfilare anche con il carretto su cui sono stati caricati vari attrezzi agricoli o con l’asino.

L'asino con le bisacce è la cavalcatura del Portaspese ovvero l'incaricato che portava i viveri nei campi durante i lavori agricoli (mietitura, trebbiatura, vendemmia, raccolta delle olive…).

All'interno della categoria dei Bifolchi troviamo anche i Pastori che possono avere con sè pecore, agnelli, caprette.

pastori


Alcuni pastori allestiscono carri che raffigurano la caratteristica capanna che è attrezzata per rappresentare scene di vita dei pastori o fasi del loro lavoro.




I Villani


Il Palio dei Villani precede i Villani che raggruppano gli agricoltori che svolgono, nel ciclo di produzione delle colture, ogni tipo di lavoro campestre.

Il palio è rosso sul quale sono raffigurati un grappolo d'uva, un ramo di olivo e le spighe del grano

Il Palio dei Villani

Il Palio dei Villani


I Villani sono una categoria composita che vede, nel suo interno, cinquue sottocategorie:

  • i Sementerelli

  • le Vanghe

  • i Falciatori

  • i Mietitori

  • Le Fontane

I Sementerelli sono i seminatori che portano le grandi bisacce da semina di panno di canapa da cui traggono e spargono fiori di ginestra.

Sementerelli

Sementerelli


Le Vanghe sono quelli che portano l’omonimo attrezzo e le bisacce di canapa con le provviste e hanno al collo il fazzoletto a scacchi bianchi e blu.

Le Vanghe Le Vanghe

Le Vanghe

I Falciatori sono quelli con le grandi falci da fieno, la fiasca e il corno di bue in cui è riposta la cote, che viene utilizzate per rifare il filo alla lama, e che indossano il fazzoletto a scacchi bianchi e rossi.

Falciatori

Falciatori

I Mietitori sono quelli che portano la "gregna di grano, la falcetta, la fiasca, i cannelli salvadita, il “curriato" o correggiato per battere i covoni e hanno al collo il fazzoletto a scacchi bianchi, rossi e blu).

Mietitori

Le Fontane ovvero i carri floreali con caratteristiche composizioni di varia dimensione, portate a spalla o trainate con mezzi meccanici.

Il nome Fontane deriva dal fatto perchè spesso sono arricchite di zampilli d'acqua.

Fontane

Fontane

Sulle Fontane si trovano le primizie del lavoro dei campi variamente e artisticamente disposte e le raffigurazioni in miniatura dei lavori agricoli o le riproduzioni dei cicli dell'olio, del vino, del pane.

Sempre sulle Fontane trovano posto gli attrezzi e gli utensili agricoli e rustici oggetti della civiltà contadina tipo i cesti di vimini.

Le primizie fuori stagione, come le olive e l'uva, sono spesso conservate fresche, sui rami o i tralci originari, con l'ausilio di antiche tecniche.

Su ogni Fontana è presente un'immagine della Madonna del Monte.



I Pescatori con carri e pertiche


Ai Villani seguono i Pescatori, il cui Signore li precede con un palio azzurro su cui è raffigurata una barca sul lago durante la pesca.

Pescatori


I Pescatori portano in offerta i pesci del lago ben disposti su carri e barche riprodotte in scala o appesi a delle pertiche.

Talvolta vengono trasportate in corteo anche delle barche vere opportunamente addobbate.

Pescatori


Attrezzi e reti da pesca di vario tipo vengono portati dai componenti della categoria o utilizzati per decorare carri e barche.

Dietro i Pescatori, due ceriferi (in passato quattro) sfilano con due grandi Ceri che simboleggiano l'offerta delle categorie e della Comunità alla Madonna.



Si ringrazia l'autrice Fedeli Maria Irene per l'ampio uso di parti estratte dal libro

Marta. Guida alla scoperta di Fedeli Maria Irene - Annulli - 2007


Ti è piaciuta questa pagina?

Se SI votaci su Google premendo il pulsante +1 qui accanto


Tu sei il nostro



visitatore dal 30/09/01



Prodotto e realizzato da: acpb / Lago Bolsena



Copyright © All rights reserved





e per restare in contatto con noi seguici su





























La Festa della Passate di Marta